Elige un año:
t

15/06/2017

Music Won't Save You [It]: "Summer Long" [Review]

Share |


L’ormai oltre un quarto di secolo di attività diLaetitia Sadier si è pressoché interamente caratterizzato per collaborazioni con altri musicisti, la frequenza delle quali negli ultimi anni si è notevolmente infittita. Quella che ha dato vita al nuovo progetto Modern Cosmology è comunque del tutto particolare, visto che non solo unisce continenti e retroterra musicali diversi, ma ha tratto origine dalla passione da veri e propri fan per l’artista francese di un gruppo di musicisti brasiliani, molto conosciuto e attivo in patria fin dai primi anni Duemila.

Si tratta dei Mombojó, band di psych-rock sperimentale, incontratasi con la Sadier nel corso di un tour sudamericano di quest’ultima; da quell’incontro è scaturita una collaborazione, tradottasi prima nella partecipazione dell’artista francese a un brano dell’ultimo disco dei Mombojó e adesso a una vera e propria comunione di intenti creativi, della quale i quattro brani dell’Ep “Summer Long” promette di costituire soltanto la prima testimonianza.
L’Ep dimostra infatti come il supporto strumentale della band brasiliana si candidi ad essere il più completo complemento della voce e della multiforme estetica della Sadier dai temi degli Stereolab. Non sembri un’iperbole, perché in appena un quarto d’ora l’Ep spazia da sognanti spunti di pop sixties (l’iniziale “C’est Le Vent”) a languori vagamente lounge (“Power Of Touch”), senza tralasciare dinamiche più pronunciate, veicolate dalla sezione ritmica della band, che muovono verso una distopia retro-futurista, appena sfumata dall’irriducibile sensibilità melodica dell’artista francese (“The Source”, “The Berlin Friend”).

Per lucida coesione di contenuto, oltre che per l’autonoma denominazione assunta dal progetto, “Summer Long” non sembra la testimonianza di una collaborazione estemporanea, bensì il punto di partenza di un percorso in tutto e per tutto condiviso, accomunato dal desiderio inestinguibile di proiettare la classe pop verso una dimensione aliena e ancora tutta da scoprire.


 


 

 

 

 

 

 

 

 

En esta web utilizamos cookies propias y de terceros para mejorar nuestros servicios

Si continúa navegando consideramos que acepta su uso.
Puede obtener más información en nuestra Política de Cookies.

Aceptar